Secrets of My Mother’s Child – Milano

4 aprile – 12 maggio, 2012
 inaugurazione: 4 aprile 2012 alle ore 18.00
 Secrets of My Mother’s Child performance a partire dalle ore 19.30
Fino al 12 maggio 2012, da martedì a sabato, 10.00 – 19.00
 La galleria Jerome Zodo Contemporary è lieta di presentare la prima personale dell’artista giapponese
 Aki Sasamoto (1980, Yokohama) che realizzerà per l’occasione una nuova versione dell’installazione
 performativa Secrets of My Mother’s Child, presentata lo scorso 2009 al centro espositivo The Kitchen, di
 New York.
 La mostra inaugura mercoledì 4 Aprile 2012, a partire dalle ore 18.30, presso lo spazio di via Lambro 7, in
 Milano.
 Aki Sasamoto è una delle figure più interessanti del panorama contemporaneo giapponese, dopo aver
 partecipato alla Triennale di Yokohama nel 2008, si è imposta sulla scena performativa internazionale
 partecipando alla Biennale del Whitney nel 2010, alla mostra The Greater New York: 5 Year Review presso
 il MOMA PS1 di New York, passando per Mosca al Garage Center for Contemporary Culture. Tra gli ultimi
 interventi, una personale nella sezione Frame di FRIEZE con Take Ninagawa Gallery, Londra nel 2011, una
 partecipazione al centro espositivo Lalit Kara Academy, a Nuova Delhi, in India e a breve una mostra al
 Hessel Museum of Art, Bard College, di New York.
 In un frasario espressivo che accoglie diversi ambiti della rappresentazione visiva, dalla scrittura
 fsiologica all’assemblaggio scultoreo attraverso l’azione performativa, la ricerca della giovane Sasamoto
 si mescola inevitabilmente con la propria cultura natia, confuendo in un territorio che resta sempre ai
 margini del quotidiano, in cui oggetti, presenze e gestualità assumono sempre nuove prospettive
 interrogando la complessità, l’eterogeneità e la varietà degli eventi e delle cose.
 Mentre l’interazione risulta alla base di ogni sua installazione, lo spirito d’indagine diviene la costante
 della creazione performativa. Perché alcuni oggetti sembrano apparire più importanti rispetto ad altri
 (Centrifugal March, 2012)? Da che cosa è costituito il nostro senso di salute o di estetica? Come si misura
 l’aggressione nel quadro della bellezza (Beauty Lines, 2010)? L’esplorazione delle diverse incognite,
 costituisce lo sviluppo dell’azione che viene accolta gradualmente da pose e movenze propedeutiche;
 ritmi, passaggi e trasformazioni disegnano le linee di una coralità spaziale che serve al solo equilibrio, fra
 le forme ed il corpo dell’artista. Nella struttura dialogica dei suoi lavori, il formalismo e l’espressività di
 una parola, di un gesto o di un oggetto superano il funzionalismo dei medesimi, dando origine ad una
 poetica che si avvale dell’assurdo e dell’improbabile come unica fonte d’immaginazione.
 L’opera Secrets of My Mother’s Child viene ripensata per il contesto milanese assumendo nuovi elementi
 scenici. Attraverso le diverse vignette performative, Drawers Eats Memory, Airport Bathroom, Pickling Pot,
 and X x Y =1, l’artista esamina i principi del proprio legame materno, dalla parentesi adolescenziale alle
 ultime esperienze, il rapporto viene analizzato e proiettato su di un binario relazionale in cui due individui
 non riescono a comunicare.
 Nello spazio della stimolazione creativa di Aki Sasamoto convivono molti elementi della tradizione
 giapponese, ad esempio il richiamo al Mitate, l’arte della citazione che vuole nella disposizione di oggetti
 comuni, il riferimento ad immagini popolari o mitologiche. Il concetto di oggetto è espresso in giapponese
 dal vocabolo Mono che si riferisce in origine ad un oggetto che ha la duplice capacità di avere la
 dimensione visibile e invisibile del mondo. Il Mono è costituito da due parti, un aspetto riconducibile alla
 sua classifcazione e descrizione, e un altro che sfugge facilmente all’approccio analitico. Il secondo è
 spesso inteso come un elemento casuale o caotico, che resiste all’ordine di classifcazione ed è
 considerato l’evidenza del fenomeno entropico nel sistema culturale. Il Mono connota non una singola
 esistenza ma piuttosto una pluralità di esistenze, in virtù della relazione con le altre cose. La disposizione
 degli oggetti visibili amplifca la percezione della realtà assoluta, dando forma e permettendo alla
 memoria collettiva di rivelarsi. Sulla scia di questi concetti, un oggetto rivela diversi signifcati quando
 viene inserito al di fuori del proprio contesto, evocando la totalità della relazione culturale. Nei lavori diAki Sasamoto emerge la volontà di disporre l’invisibile attraverso l’ordine visibile delle cose, questa pratica evidenzia la struttura cosmologica delle sue rappresentazioni. Incontrando sempre il discorso spaziale, diverso, a secondo dei contesti in cui interviene, l’azione dell’artista diviene totemica, ogni oggetto come ogni avvenimento è per lei uno strumento connettivo, mentale e sociale, non più solo legato alla propria fsicità o identità.
 Aki Sasamoto è nata nel 1980 a Yokohama in Giappone. Trasferitasi a New York, consegue un MFA in Arti Visive presso la Columbia University nel 2007. Il suo lavoro è stato presentato in diversi ed importanti manifestazioni artistiche internazionali: alla terza Edizione della Yokohama Triennale (2008); Deutsche Guggenheim, Berlin (2008); Zach Feuer Gallery, New York (2009); The Kitchen, New York (2009); Whitney Biennial, New York (2010; The Greater New York,  MOMA PS1 (2010); Garage Center for Contemporary Culture, Mosca, Russia (2010); Frame section con Take Ninagawa Gallery, Frieze Art Fair (2011); Lalit Kara Academy, New Delhi, India (2012); Take Ninagawa Gallery, Tokyo, Giappone (2010 e 2012); Hessel Museum of Art, Bard College, New York (2012). Inoltre Aki Sasamoto è co-fondatrice dell’organizzazione Culture Push di New York.
 
Aki Sasamoto
 
Secrets of My Mother’s Child
 4 aprile – 12 maggio, 2012
 Jerome Zodo Contemporary, via Lambro, 7 – 20129, Milano, Italia
 Orari: martedì – sabato, 10 – 19
 Ingresso libero
 Informazioni: t. +39.02.20241935; f. +39.02.20244861; info@jerome-zodo.com
 Sito internet: www.jerome-zodo.com



Lascia un Commento


4 × = dodice


Parte del materiale e' stato scaricato da internet.
Qualora una o piu' parti ledessero i diritti dei rispettivi proprietari
saremo pronti, dietro segnalazione, a toglierle immediatamente.