Giappone. Terra di incanti L’eleganza della memoria – FirenzeLe arti decorative nel moderno Giappone

Giappone. Terra di incanti L’eleganza della memoria – FirenzeLe arti decorative nel moderno Giappone
 Galleria Palatina 03-04-2012 | 01-07-2012
 Firenze celebra quest’anno l’arte e la cultura Giapponese a Palazzo Pitti, la Reggia fiorentina che già nel 1585 ospitò i primi ambasciatori giapponesi che raggiunsero l’Italia.
 Le lussuose sale e gli ambienti più prestigiosi del Palazzo, distinti oggi in tre musei, sono coinvolti in questa grandiosa manifestazione dedicata alle arti e alla cultura dell’arcipelago dell’Estremo Oriente, suggestivamente intitolata Giappone. Terra di incanti.
 Al piano terreno di Palazzo Pitti, nell’antico quartiere estivo dei Granduchi, oggi Museo degli Argenti, trova spazio la mostra Di Linea e di Colore. Il Giappone, le sue arti e l’incontro con l’Occidente;  la Galleria d’Arte Moderna è invece la sede della mostra Giapponismo. Suggestioni dell’Estremo Oriente dai Macchiaioli agli Anni Trenta.
 
La Sala Bianca, in Galleria Palatina al primo piano del palazzo, con la mostra L’eleganza della memoria. Le arti decorative nel moderno Giappone, ospita opere dei più famosi artisti giapponesi del Novecento, in particolare della seconda metà del secolo.
 Quasi tutti gli artisti rappresentati nell’esposizione sono stati nominati dal governo giapponese “Tesori Nazionali Viventi”, il riconoscimento che fin dal 1950 viene assegnato dal governo al fine di preservare le tecniche e le abilità artistiche in pericolo di esser perdute, grazie a speciali forme di tutela e sostegno. È una pratica, questa, che dimostra quanto i giapponesi tengano a preservare le proprie origini e tradizioni artistiche.
 Le opere in mostra, prevalentemente manufatti, innovative per concezione e design, mostrano infatti stretti legami con la tradizione artistica classica del Giappone sia per l’uso di certi materiali che per le tecniche.
 Essi testimoniano la consapevole memoria di un passato artistico glorioso, che non si vuole dimenticare.
 Si vedranno tessuti, kimono, contenitori rivestiti della superba lacca giapponese, ceramiche di assoluta perfezione sia tecnica che formale, metalli dalle patine superlative ed eleganti, particolari e insistiti intrecci di bamboo. Tutti oggetti di altissima qualità formale. Ed è ancora un prestito di parole di Cristina Acidini che ben definisce il valore estetico e culturale di tali opere: “una dovizia di premure, uno spessore di saperi rendono unico, anche in questo momento storico di rampante globalizzazione, il fenomeno Arts and crafts nel Giappone odierno.”
 
Alle opere del XX secolo, inoltre, si aggiunge un piccolo ma significativo nucleo di opere antiche, grazie al quale il pubblico potrà apprezzare il confronto tra la tradizione e la contemporaneità.
 La Sala Bianca, con la sua austera bellezza, è cornice perfetta per l’esposizione di questi capolavori del Giappone moderno.
 

Enti promotori
 
Ministero per i Beni e le Attività Culturali
 Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana
 Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze
 Palazzo Pitti:
 Museo degli Argenti, Galleria Palatina, Galleria d’arte moderna
 Firenze Musei
 
Museo Federigo Stibbert
 
Gabinetto Vieusseux
 
Ente Cassa di Risparmio di Firenze
 
Agency for Cultural Affairs, Tokyo
 The National Museum of Modern Art, Tokyo
 Hosomi Museum, Kyoto
 The Yomiuri Shimbun
 

Ideazione
 
Maria Sframeli
 

Cura
 
Masahiro Karasawa e Masanori Moroyama
 

Catalogo
 
Sillabe
 

Ufficio stampa
 
Opera Laboratori Fiorentini – Civita Group
 Tel. 055. 290383 e-mail: ufficiostampa@operalaboratori.com
 

Note
 
Coordinamento tra Italia e Giappone
 Annalaura Valitutti
 
Comitato scientifico

 
Cristina Acidini, Cristina Aschengreen Piacenti, Paolo Calvetti, Francesco Civita, Simonella Condemi, Nicole Coolidge Rousmaniere, Vincenzo Farinella, Annamaria Giusti, Anna Jackson, Christiaan J.A. Jörg, Karasawa Masahiro, Aoyagi Masanori, Moroyama Masanori, Giuliano Matteucci, Francesco Morena, Kamogawa Sachio, Daniela Sadun, Kondō Seiichi, Maria Sframeli, Saitō Takamasa
 

Biglietto
 
intero € 13.00
 ridotto € 6,50
 
Biglietto cumulativo, in occasione della mostra per l’intero complesso museografico di Palazzo Pitti e tutte le sezioni delle mostre fino al 1 luglio 2012:
 € 18,00 (intero – validità 3 giorni)
 € 9,00 (ridotto – validità 3 giorni)



Lascia un Commento


− 2 = due


Parte del materiale e' stato scaricato da internet.
Qualora una o piu' parti ledessero i diritti dei rispettivi proprietari
saremo pronti, dietro segnalazione, a toglierle immediatamente.