Pena morte: protesta in Iran per esecuzione di una donna malata di mente

(ANSA) – TEHERAN, 31 OTT – Un gruppo di docenti universitari iraniani ha protestato con un comunicato stampa contro l’impiccagione, il 22 ottobre, di una donna. Soheila, 28 anni, prostituta senzatetto, aveva ucciso a coltellate il figlio dopo il parto ed e’ stata impiccata in carcere. I docenti di sociologia e psicologia hanno detto che si trattava di una persona malata di mente. Organizzazioni per i diritti umani hanno reso noto che viveva senza alcun sostegno ed era ”la piu’ indifesa delle madri iraniane”.

 



One Comment

  1. Penelope wrote:

    Un fatto lontano. In una terra lontana. Modi di pensare lontanissimi. I popoli devono seguire il loro proprio percorso di crescita. La civiltà è una conquista. Cosa ci viene richiesto, enfatizzando questa notizia? Noi, da qui, più che deprecare non possiamo.

Lascia un Commento


cinque + 4 =


Parte del materiale e' stato scaricato da internet.
Qualora una o piu' parti ledessero i diritti dei rispettivi proprietari
saremo pronti, dietro segnalazione, a toglierle immediatamente.