Racconti di pioggia e di luna

Racconti-di-pioggia-a-di-lunaRacconti di pioggia e di luna
27 marzo ore 19,00
Remember Pearl Harbor
Viaggio nel cinema e nella cultura giapponesi attraverso una rassegna di film curata da Giampiero Raganelli.
Le proiezioni saranno precedute da una breve presentazione.
8 INCONTRI a partire da venerdì 9 gennaio 2015

ore 19.00
Ingresso libero
con tessera associativa
prenotazione obbligatoria

338.1642282 oppure

antogiulia@gmail.com
9 gennaio 2015 ore 19,00
Dopo la pioggia / Ame agaru (1999) di Koizumi Takashi, 91’
L’ultimo progetto di Kurosawa Akira, fatto vivere dagli stretti collaboratori del Maestro, seguendo
fedelmente i suoi appunti e la sua sceneggiatura, terminata poco prima della morte e tratta dal suo prediletto
scrittore Yamamoto Shūgorō. Un rōnin si rifugia, per la pioggia torrenziale, in una locanda e diviene
insegnante di spada nel vicino dojo, suscitando la rivalità dei samurai locali. Il buon vecchio film di samurai
d’atmosfera, in cui aleggia l’anima di uno dei più grandi registi della storia del cinema.
16 gennaio ore 19,00
Colorful (2010) di Hara Keiichi, 126’
Dall’autore dell’anime di grande successo Un’estate con Coo, e da un romanzo di Mori Eto, un film
d’animazione fantastico che racconta dell’anima di un defunto cui, alle soglie del Paradiso, viene data la
possibilità di rivivere nel corpo di un quattordicenne, fatto risvegliare dallo stato di coma. Una storia di
redenzione in un film dove la sofferenza è palpabile, una riflessione sul senso e sull’importanza della vita.
20 febbraio ore 19,00
La terra della speranza / Kibō no kuni (2012) di Sono Sion, 133’
Una famiglia vive in una piccola fattoria che si trova ai limiti di una zona contaminata dalle radiazioni di una
centrale nucleare esplosa a seguito di un terremoto. I figli scelgono di evacuare, i vecchi rimangono. Uno dei
primi film a riflettere sulla tragedia di Fukushima. Dal nuovo genio ribelle del cinema giapponese Sono Sion.

6 marzo ore 19,00

Omaggio a Oshii Mamoru
Tokyo Scanner (2003) di Matsu Hirohaki (supervisione di Oshii
Mamoru), 20’
L’esperienza visiva di sorvolare la città di Tokyo, scandagliata nelle sue
architetture, nei suoi minimi dettagli urbani da zoom generati da lenti
potentissime.
Open your Mind / Mezame no hakobune (2005) di Oshii Mamoru, 36’
Opera musicale in tre atti creata per l’Expo di Nagoya. Un viaggio psichedelico in
un pianeta vivente popolato da creature mitologiche. Opera dell’eclettico
animatore Oshii Mamoru.

20 marzo ore 19,00
I fantasmi di Yotsuya del Tōkaidō / Tōkaidō Yotsuya kaidan (1959) di
Nakagawa Nobuo, 76’\ La più famosa delle storie di fantasmi giapponesi, scritta nel 1825 da Nanboku
Tsuruya IV come dramma kabuki, con tutti gli ingredienti tipici del genere kaidan:
tradimento, assassinio e vendetta di spettri. Il più riuscito tra i tanti adattamenti
nella settima arte dell’opera, per mano di un grande maestro del cinema gotico.

27 marzo ore 19,00
Remember Pearl Harbor
Momotarō, the Sea Eagle / Momotaro no umiwashi (1943) di Seo Mitsuyo, 37′
Film d’animazione di propaganda che vede il popolare personaggio del folklore
Momotarō a capo di una banda di animali antropomorfi in stile disneyano,
impegnati in eroiche azioni belliche tra cui il bombardamento di Pearl Harbor.
La guerra sui mari dalle Hawaii alla Malesia / Hawai Marē oki kaisen
(1942) di Yamamoto Kajirō, 116’
Manifesto celebrativo del primo anniversario di Pearl Harbor. Reclutata anche la divina Hara Setsuko.
Spettacolare, per l’epoca la ricostruzione dell’attacco mediante modellini, opera del tecnico degli effetti
speciali Tsuburaya Eiji che avrebbe poi realizzato Godzilla.

10 aprile ore 19,00
La danzatrice / Maihime (1989) di Shinoda Masahiro, 123′
Fine Ottocento: durante il suo soggiorno a Berlino per motivi di studio, un giovane ufficiale medico si
innamora di una ballerina tedesca. Dallo struggente romanzo autobiografico di Mori Ōgai, un film che
racchiude le antinomie cruciali dell’Epoca Meiji, libertà individuali e rigidi valori tradizionali,
modernizzazione occidentale e cultura giapponese, nel conflitto dell’autore tra i propri sentimenti e la fedeltà
alla nazione.

17 aprile ore 19,00
Yumeji (1991) di Suzuki Seijun, 128′
Una storia di fantasmi costruita attorno alla biografia di Yumeji Takehisa, pittore dell’Epoca Taisho. Il
visionario Suzuki Seijun rielabora l’unive



Lascia un Commento


× uno = 9


Parte del materiale e' stato scaricato da internet.
Qualora una o piu' parti ledessero i diritti dei rispettivi proprietari
saremo pronti, dietro segnalazione, a toglierle immediatamente.