TOHOKU PRIMA E DOPO

TOHOKU PRIMA E DOPO cinema e docu-film raccontano
 videorassegna 1 – 14 marzo 2012
 Il Tohoku, ambientazione cinematografica prima e poi drammatico set per le immagini post-
 11/3/2011, fa da trait d’union alla rassegna video che Japan Foundation cura e propone al
 pubblico italiano, per capire, per sperare e per trasmettere la riconoscenza del Giappone alla
 comunità internazionale, fondamentale da subito nella ricostruzione.
 1. Kizuna
 Kizuna, dvd, 53’, ©The Japan Foundation, Asia Pacific Tourism Exchange Center, sott. in italiano
 Immagini dal Tohoku , da quelle della devastazione a quelle della rinascita, grazie ai legami, kizuna
 in giapponese, rappresentati in ogni aspetto: tra un uomo e la sua terra, di parentela, di amicizia, e
 soprattutto, tra le popolazioni del mondo, quelli più poderosi, e fattivi, nel recupero dalle ferite del
 corpo e della mente. Programmazione: ven 2 marzo (16.00), sab 3 marzo (11.30), mar 6 marzo
 (16.00), gio 8 marzo (11.30), mar 13 marzo (11.30).
 
2. Riuscite a vedere le nostre luci? Il primo festival dopo il terremoto
 Tohoku natsumatsuri – chinkon to kizuna to, dvd, 58’ ©NHK, sott. in inglese
 I festival estivi in Giappone sono spesso improntati al ricordo dei defunti. Molte zone colpite da
 sisma e tsunami non sono state in grado di reiterare la consuetudine, ma alcune, come
 Rikuzentakata, Soma, Minami Soma e altre località, caparbiamente hanno proceduto come da
 tradizione. In video, i comitati, il lavoro, la comunità a raccolta per celebrare insieme un evento che
 supera l’esteriorità e si fa emblema della rinascita di un popolo. Programmazione: ven 2 marzo
 (11.30), mar 6 marzo (17.15), mer 7 marzo (11.30), gio 8 marzo (16.00), sab 10 marzo (11.30), mer
 14 marzo (16.00).
 
3. LIGHT UP NIPPON
 Light up Nippon, ©The Jaqpan Foundation, in collaborazione con Light Up Nippon dvd, 28’, sott. in inglese
 Tre gli obiettivi di Yoshitake Takada, fondatore di LIGHT UP NIPPON: il Tohoku, il recupero, il
 sorriso della gente. Il pretesto: la cancellazione, dopo il terremoto, dei tradizionali fuochi d’artificio a
 Tokyo; Takada lavora a ritmo serrato, si reca sui luoghi del disastro, parla con le autorità locali,
 muove le associazioni dei volontari, e l’11 agosto del 2011 le luci dei fuochi accendono le dieci
 località selezionate di nuova fiducia nel futuro. Il documentario fa parte del progetto LIGHT UP
 NIPPON, nell’ambito del quale verrà proiettato in varie città del mondo in contemporanea,
 l’11/3/2012 alle 14.46 JST. Programmazione: gio 1 marzo (11.30), ven 2 marzo (17.15), mar 6
 marzo (11.30), mer 7 marzo (16.00), gio 8 marzo (17.15), ven 9 marzo (11.30), mer 14 marzo (11.30).
 
4. Haru’s journey
 Haru to no tabi, 2010, dvd, colore, 134’ ©“HARU’S JOURNEY”Film Partners, sott. in inglese
 L’anziano Tadao, figlia suicida e nipote (Haru) convivente che lo accudisce , vive una vita da
 pensionato in Hokkaido. Haru d’improvviso perde il lavoro: è l’occasione per il viaggio – il set sono i
 bellissimi paesaggi della prefettura di Miyagi in Tohoku – che sfocerà per Tadao in una dura
 riconciliazione emozionale con le origini, mentre per Haru si rivelerà foriero di nuovi inizi.
 Programmazione: gio 1 marzo (16.00), ven 9 marzo (16.00), mar 13 marzo (16.00).
 
TERREMOTO, RICOSTRUZIONE E RINASCITA
 conferenza a cura di Shoichi Haryu e Mami Miyata 14 marzo 2012 ore 18.30
 Nato nella Prefettura di Miyagi, fondatore nel 1981 dello studio Architect & Associates (SHAA), Shoichi
 Haryu è un noto architetto, progettista di importanti edifici pubblici e privati a Sendai e in tutta la regione del
 Tohoku, teatro del disastroso terremoto. Mami Miyata, monaca buddhista del tempio Komyoji (Kyoto), travel
 writer e giornalista per noti settimanali giapponesi (tra cui News Week) vive tra il Giappone e il Canada, dove
 svolge il dottorato alla University of British Columbia (Vancouver). Ciascuno nell’ambito delle proprie
 competenze, l’architetto Haryu e la scrittrice di viaggio Miyata affronteranno il tema della ricostruzione delle
 città e della rinascita nelle zone colpite dal terremoto.
 Un anno dopo in Giappone: annotazioni e commenti sulle conseguenze sociali ed
 economiche dell’11 marzo 2011
 conferenza a cura di Francesco Paolo Cerase 23 marzo 2012 ore 18.30
 Ultimo appuntamento dell’anno fiscale in corso con il ciclo di conferenze “OrientaMenti”. L’intervento del prof.
 Francesco Paolo Cerase – già professore ordinario di Sociologia economica all’Università degli Studi di
 Napoli “Federico II” e fruitore della Fellowship Japan Foundation nel 2001 – muove da alcune considerazioni
 sullo stato della società e dell’economia giapponese nel primo decennio di questo secolo, per poi soffermarsi
 sulle conseguenze sociali ed economiche del terremoto-tsunami dell’11 marzo 2011 e successivo disastro
 ambientale di Fukushima e sulle nuove sfide che esse comportano per il Giappone.
 
TOHOKU fotografie dal Giappone
 mostra fotografica a cura di Iizawa Kotaro 30 marzo – 5 maggio 2012
 Ancora Tohoku nella programmazione mostre dell’Istituto Giapponese di marzo: stavolta è Japan
 Foundation a celebrare la memoria della tragedia che ha colpito la regione del Tohoku, ma attraverso le
 foto della sua gente e dei suoi luoghi, ritratti ad arte da autori locali, rappresentanti della compagine
 fotografica del Giappone dagli anni Quaranta a oggi. Una natura lussureggiante e una lunga storia,
 spesso trascurata dai media a favore della cronaca del disastro dell’11 marzo 2011. Per superare, ma
 non per dimenticare: Teisuke Chiba e Ichiro Kojima hanno fotografato il Tohoku degli anni Cinquanta e
 Sessanta, Hideo Haga, Masatoshi Naito e Masaru Tatsuki sono autori di foto dal taglio etnografico,
 Hiroshi Oshima e Naoya Hatakeyama hanno interpretato la regione secondo il proprio vissuto mentre
 Meiki Lin ha immortalato paesaggi dalle molte suggestioni e Nao Tsuda ha indagato lo spirito
 giapponese nei reperti Jomon, la prima cultura del Giappone (15.000-3.000 anni fa), che, con le sue
 splendide terrecotte, è emblema di una decisa matrice autoctona. Infine, il gruppo guidato da Toru Ito
 presenta scene anonime in Sendai Collection, serie fotografica collettiva che ambienta la produzione
 nel capoluogo della prefettura di Miyagi.
 Teisuke Chiba, Around Sunset, Hiraka County, 1958, Lambda print
 
Info/immagini: Maria Cristina Gasperini/Istituto Giapponese di Cultura
 tel 06 3224754 gasperini@jfroma.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



Lascia un Commento


× 6 = sei


Parte del materiale e' stato scaricato da internet.
Qualora una o piu' parti ledessero i diritti dei rispettivi proprietari
saremo pronti, dietro segnalazione, a toglierle immediatamente.